Come riconoscere un account falso su Facebook

Shares

La nostra capacità di creare il falso ora supera la nostra capacità di scoprirlo. (Viktor Taransky, dal film S1m0ne)

Secondo le statistiche divulgate da Facebook, social network giunto a circa 1,3 miliardi di iscritti in tutto il mondo, risulta che una fetta di utenti tra il 4,3% e il 7,9% gestisce più di un account in contemporanea, circa l’1% viola la policy del sito e – udite, udite – il 2% è composto da profili intestati a cani, gatti e altri animali domestici.

Si tratta di un numero piuttosto importante di account fake, che rende non validi – anche per fini pubblicitari – dai 70 ai 140 milioni di account, concentrati soprattutto in India, Turchia e altri stati in via di sviluppo. A questi numeri si aggiungono anche gli account i cui proprietari non ci sono più, che ammontano a 30 milioni di persone appartenenti a una “comunità virtuale dell’aldilà”.

È importante distinguere un profilo falso da uno reale, per un uso più sicuro delle piattaforme social, in particolare per la protezione dei dati personali… oltre che per evitare figure di biiiip. Incontro spesso utenti che ringraziano – in bacheca – la gnocca di turno chiaramente FAKE per l’amicizia “concessa”, come se avessero ricevuto chissà quale straordinario dono!

Ecco di seguito uno splendido esempio di figuraccia virtuale: questo account, da cui ho tratto la seguente “composizione sociale” opportunamente censurata, è stato chiuso qualche giorno fa.

profili fake

Entriamo ora nella parte più importante di questo articolo…

7 punti per riconoscere un account fake su Facebook

1. Osserva l’immagine del profilo e nota se mancano fotografie personali. Ovviamente capita che alcuni utenti usino cartoni animati o mettano foto simpatiche di animali; ma se è un utente reale, negli album di foto troverai probabilmente un’immagine del volto (non del décolleté!) o di qualche momento della sua vita, insieme ad altra gente. Diffida delle foto profilo che ritraggono fanciulle di rara bellezza in pose provocanti… o farai la stessa figura dei “polletti” dell’immagine qui sopra!
A volte, se la privacy non è troppo restrittiva, puoi vedere le foto in cui l’utente è taggato con gli amici.
Attenzione infine ai furbi che rubano interi set di foto da altri utenti per rendere il più possibile veritiero il profilo. In questi casi occorre trasformarsi in abili detective e cercare una di queste fotografie su Google Immagini per controllare se corrisponde ad altri account online. Come si fa? Te lo spiego nella parte finale di questo articolo… intanto passiamo al punto 2.

2. Leggi le informazioni dell’utente: un profilo vero, salvo restrizioni nella privacy, contempla notizie sulla scuola o l’università, sulla professione e sull’azienda per la quale si lavora e altri dati utili. Se rilevi la mancanza di queste informazioni, insieme ad altri elementi di questa guida, la puzza del fake aumenta! Per quanto riguarda la città, in base ad alcune statistiche che ho “fatto in casa”, i fake meno furbi preferiscono rispettivamente Roma, Napoli e Milano.

3. Visita la bacheca e controlla gli aggiornamenti di stato. Se non pubblica mai nulla o sono presenti periodi di intensa attività alternati a lunghi vuoti, se non partecipa in maniera attiva alla “vita sociale” con commenti o mi piace su altri stati, se nessuno scrive sul diario qualcosa di più sensato di “grazie per l’amicizia”, se sono pochi o nulli i mi piace che riceve, se ci sono pubblicazioni automatiche di giochi come FarmVille e applicazioni come l’Oroscopo… è probabile che si tratti di un falso account o non più usato.

4. Verifica se ci sono attività recenti. Se noti che l’utente aggiunge solo amici quasi casualmente, non segue pagine o gruppi né interagisce con essi, è possibile che tu abbia davanti un account che colleziona utenti. È consigliabile, in questi casi, non accettare le richieste di amicizie.

5. Guarda la lista degli amici. Se sono quasi tutte donne e il profilo che stiamo analizzando è di un – presunto – uomo… oppure al contrario, ha quasi tutti uomini ma l’account è di una donna, può darsi che sia un profilo che nasconde particolari intenzioni, tipo ottenere incontri “amorosi” o per semplice “spasso”. Nota bene che spesso si incontrano profili di ragazze con quasi tutte amicizie femminili: anche in tal caso bisognerebbe drizzare le antenne…

6. La data di nascita. Sembrerebbe che la maggior parte degli account fake riportino date come il 1° gennaio oppure il 31 dicembre. Di certo questa info non svaluta subito un profilo, ma insieme ad alcuni dei punti già trattati è un indizio importante per comprendere se abbiamo di fronte un’identità reale o falsa.

7. C’è un numero di telefono? Ora pensa: quanti tuoi amici mettono in bella mostra il numero di cellulare sul profilo di Facebook? E se lo pubblicano, hanno un valido motivo per farlo? Conosco pochissime persone che lo rendono visibile, forse il 2% e il motivo è sempre di tipo professionale (organizzatore di eventi, PR, fotografi, agenti di commercio, etc). Quando incontri utenti – specialmente donne – che lasciano pubbliche informazioni riservate come il numero di telefonia mobile, diffida… tranne se il motivo è identificabile, valido e chiaro.

Ed eccoci al momento anticipato nel punto 1. Se vuoi diventare un utente “digitalmente consapevole”, devi conoscere la funzione di Google Immagini che spiego di seguito: è il modo più efficace e rapido per scoprire se hai a che fare con un fake.

Come si verifica se una fotografia è stata rubata da un account reale per inserirla in un profilo fake?

copia url immagineMetodo 1 • Copia l’url della fotografia “incriminata” facendo click col tasto destro del mouse sulla foto stessa.

Seleziona dal menu che si apre “Copia URL immagine” (l’immagine che vedi a sinistra è quella del mio profilo, con la voce di menù selezionata con il browser Chrome su un MacBook) e incolla i dati direttamente nel campo di ricerca di Google Immagini (http://images.google.it/).

A questo punto Google presenterà il messaggio “Per le immagini corrispondenti, prova la ricerca per immagine”. Clicca sul link e a quel punto la tua indagine avrà inizio! Se la foto è presente altrove, il motore di ricerca ti restituirà diversi risultati: controlla se è già usata, come e da chi…

google, ricerca per immagine

Metodo 2 • Salva l’immagine sul tuo computer, ad esempio sul desktop, vai sempre su Google Immagini e seleziona col mouse la foto che hai salvato e trascinala dentro alla casella di ricerca di Google; verrà effettuato un upload – temporaneo – del file e avviato il confronto con altre fotografie simili. Otterrai la lista delle pagine che la contengono.

Se hai la certezza di avere trovato un profilo fake, puoi segnalarlo a Facebook affinchè prenda provvedimenti. Entra nel diario dell’utente e cliccare sulla rotellina presente sopra l’immagine di copertina. Si apre un menù, con la voce “Segnala / blocca…”. Cliccaci su, compare una finestra dalla quale avviare la procedura di segnalazione allo staff del social network.

Spero che questa guida ti sia stata utile, condividila con i tuoi amici o lascia un commento, soprattutto se hai altri punti da aggiungere a quelli già proposti.

Se desideri approfondire la tua conoscenza di Facebook e di tutti i principali social network, per farne un uso più consapevole e professionale, iscriviti a uno dei miei corsi cliccando qui.

Ad maiora.

Shares

...e se vuoi qualcosa in più!

Inserisci il Tuo indirizzo email principale per ricevere la newsletter gratuita di LucaPropato.com. Aggiornamenti sugli ultimi articoli e contenuti bonus per la Tua Crescita Professionale e Digitale. Niente spam, il tuo indirizzo non verrà mai fornito a nessuno e potrai cancellarti in modo facile e veloce in ogni momento.

(*) Campi richiesti

Lascia un commento con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa questa formula indicando il valore mancante corretto * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyright © 2017 Giuseppe Luca Propato - Realizzazione siti internet, e-commerce, web marketing, SEO, SEM, social media e corsi di formazione.