Fake News: l’algoritmo di Facebook contro la disinformazione

Shares

L’informazione si è ritagliata, da tempo, un posto anche sui social network, la principale piazza relazionale del web: accade a tutti noi di venire a conoscenza di una notizia proprio scorrendo il feed di Facebook. Tuttavia, molto spesso i contenuti veicolati sono fake news costruite ad arte. In questo caso il risultato ottenuto è proprio quello contrario, ovvero la disinformazione.

Ecco come il gigante dei social corre ai ripari.

Il caso Trump

A far scoppiare una vera e propria rivoluzione contro i contenuti falsi è stato un esperimento dei giornalisti di BuzzFeed News [¹]: gli analisti hanno puntato il dito contro Facebook, colpevole di aver diffuso notizie rivelatesi poi bufale invece di articoli accreditati, andando a favorire in questo modo l’elezione di Trump a Presidente degli USA.

Nel Paese a stelle e strisce il social di Zuckerberg risulta essere infatti una fonte d’informazione primaria per il 40% della popolazione. Proprio qui hanno trovato terreno fertile contenuti che parlavano dell’endorsement di Papa Francesco al candidato repubblicano o dell’acquisto di armi per l’Isis da parte della Clinton: per tirare fuori qualche numero [²] si parla di 960mila interazioni per la prima notizia e 789mila per la seconda. Ovviamente il padre di Facebook ha rimandato le accuse al mittente, dichiarando che è folle pensare che uno strumento come questo possa essere politicizzato.

Ma il problema del filtro alle bufale si è fatto sentire forte e chiaro, con seri dubbi sull’effettiva capacità di controllo, espressi anche  dal Washington Post [³]. Il team che si occupava della ricerca e segnalazione dei fake è stato licenziato in tronco e Zuckerberg ha scommesso sulla realizzazione di un algoritmo più solido per il News Feed.

Il nuovo algoritmo

È proprio di questi giorni la notizia dell’applicazione di un nuovo algoritmo di Facebook che andrebbe ad arginare i problemi di spam, click-baiting e fake news.

Prima di procedere all’assunzione di 3.000 nuovi lavoratori con il compito di analizzare e monitorare i contenuti condivisi, come paventato in un primo momento dallo stesso Zuckerberg, si è riflettuto sulla possibilità di modificare l’algoritmo legato al NewsFeed e di implementare l’Intelligenza Artificiale.

Come funzionerà la selezione delle notizie?

• Il social di Menlo Park ha fatto sapere di aver già creato un database con centinaia di migliaia di siti catalogati, definiti non conformi, vere e proprie fucine di disinformazione.

• A questo archivio farà riferimento l’AI, che andrà a controllare i link condivisi, verificandone la provenienza.

• Nel caso in cui la “notizia” sia associata a uno dei siti considerati non attendibili ci sarà una diminuzione del rating e una penalizzazione nel News Feed.

In questo modo si toglierà visibilità e traffico a questi portali, a favore dei contenuti informativi, originali e di qualità, che andranno, di conseguenza, a occupare posizioni più alte. La novità sarà effettiva nei prossimi mesi, per tutti gli utenti comuni, per le Pagine, ma anche per i messaggi pubblicitari.

Inoltre, sembrerebbe che Facebook stia prendendo provvedimenti anche nei confronti dei Fake Live: questo problema era emerso nel gennaio scorso quando il social aveva individuato, tra gli streaming più visti del 2016, dei video in cui si alternavano immagini statiche, loop, o venivano costruiti dei sondaggi. Nella Policy della Live API Facebook Platform è stato specificato di:

Non usare le API per pubblicare solo immagini (cioè, non pubblicare immagini statiche, animate o in loop) o mandare in streaming sondaggi associati a trasmissioni fisse o ambientali.

Anche per i video catalogati come falsi, ci saranno restrizioni e penalizzazioni nella visibilità.

La battaglia alla disinformazione, alla produzione di contenuti di bassa qualità, realizzati esclusivamente per attirare click, sembra essere davvero iniziata.

Come riconoscere i fake

Nel tuo piccolo, senza scomodare algoritmi e Presidenti degli USA, potresti evitare la diffusione di queste notizie false semplicemente riconoscendole come tali e non interagendo con loro. Ecco qualche campanello d’allarme che dovrebbe metterti in guardia.

• Attenzione al titolo
Quello che ci attira maggiormente in un articolo è il titolo: quando questo diventa acchiappa-like c’è sicuramente qualcosa che non va. Chi vuole rivelarti i segreti più scottanti di un personaggio pubblico, o promette di farti guadagnare soldi facilmente, probabilmente vuole solo farti cadere in un advertising preparato ad hoc.

• Controlla la fonte
In qualsiasi corso di giornalismo il punto di partenza è la verifica delle fonti, prima della diffusione di un qualsiasi fatto. Sui social questo si può fare andando a controllare l’autore e il dominio del sito da cui arriva la notizia: se noti qualcosa di strano, fidati della tua sensazione.

• Prova i tool di fact-checking
Nello sterminato web esistono anche loro: sono strumenti pensati appositamente per verificare l’attendibilità dei contenuti. Chrome mette a disposizione un’estensione [4] che ti segnala gli articoli sospetti, altrimenti puoi consultare una piattaforma come FactCheck [5], Snopes [6], PolitiFact [7], in cui semplicemente inserendo URL o parole chiave otterrai il verdetto.

Secondo l’Università di Stanford [8] la maggior parte degli adolescenti non è in grado di distinguere una notizia vera da una falsa sui social: questa ricerca ci mette di fronte alla gravità del fenomeno di diffusione dei fake. L’antidoto fondamentale rimane la cultura e il senso critico che ognuno di noi dovrebbe portare sempre con sé.

Se vuoi conoscere meglio le dinamiche dei Social Network e imparare a costruire contenuti di qualità iscriviti al mio Corso Professionalizzante in Web Marketing, Social Medi & Pubblicità Online, finanziabile anche tramite Torno Subito.

Contattami adesso per avere maggiori informazioni!

FONTI

1] This Analysis Shows How Viral Fake Election News Stories Outperformed Real News On Facebook – BuzzFeed
2] Elezioni Usa, le notizie false su Facebook? Più condivise e commentate di quelle vere – La Repubblica
3] Il problema di Facebook con le notizie false – Il Post
4] L’estensione di Chrome che scopre le notizie false su Facebook – La Stampa
5] FactCheck
6] Snopes
7] PolitiFact
8] Stanford researchers find students have trouble judging the credibility of information online

Shares

...e se vuoi qualcosa in più!

Inserisci il Tuo indirizzo email principale per ricevere la newsletter gratuita di LucaPropato.com. Aggiornamenti sugli ultimi articoli e contenuti bonus per la Tua Crescita Professionale e Digitale. Niente spam, il tuo indirizzo non verrà mai fornito a nessuno e potrai cancellarti in modo facile e veloce in ogni momento.

(*) Campi richiesti

Lascia un commento con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa questa formula indicando il valore mancante corretto * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyright © 2017 Giuseppe Luca Propato - Realizzazione siti internet, e-commerce, web marketing, SEO, SEM, social media e corsi di formazione.