7 punti “Anti-Crisi” per smettere di cercare scuse e cominciare a cambiare

Shares

Sostituisci nella tua mente la parola “Crisi” con il termine “Opportunità” e vedrai la strada verso la tua realizzazione diventare meno tortuosa.

Innanzitutto, se non lo hai già fatto, ti invito a leggere questo articolo: “Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose“.

Anche 40 anni fa c’erano tanti problemi e all’inizio del ‘900 le cose non erano di certo migliori. Forse erano di problemi diversi, ma pur sempre percepiti dalla maggioranza delle persone come un ostacolo per crescere, essere persone felici e di successo.

Sin dall’origine dei tempi gli uomini hanno incontrato grandi difficoltà e problemi. Una crisi, in fondo, più o meno grave che sia, è sempre in atto… ma solo per chi resta fermo a guardare senza reagire, in balia degli eventi.

Una “crisi” è sempre in atto… ma non per tutti: corsi e ricorsi storici

La storia ci insegna che a fasi di progresso si alternano fasi di decadenza: il filosofo, storico e giurista Giambattista Vico parla di “corsi e ricorsi storici“. Questo non vuol dire, come di solito si interpreta, che la storia si ripeta, bensì che l’uomo è sempre uguale a se stesso.

In ogni momento vissuto dall’umanità, ci sono state persone che hanno agito in maniera efficace, nonostante tutto, grazie alla capacità della mente di andare avanti, superando periodi difficili a livello personale e ambientale. Non c’è crisi che tenga se tiriamo fuori la forza straordinaria, spesso inesplorata, che abbiamo dentro. Trasformiamo i nostri momenti di “decadenza” in qualcosa di grande e positivo.

Ci sono straordinari anziani che mi ha raccontato il periodo della guerra nel nostro Paese: un bombardamento è nulla rispetto a quello che stiamo vivendo oggi, eppure molte di queste persone sono arrivate ad oggi sconfiggendo difficoltà incredibili, raccontano la loro storia e sono molto più felici di chi oggi passa le giornate a lamentarsi, piuttosto che alzare il culo e darsi da fare!

Ogni crisi è come una moneta: da una parte porta con sé il pericolo, dall’altra l’opportunità. Capovolgete la moneta. [Jeffrey J. Davis]

7 punti “Anti-Crisi” per cominciare a cambiare

Ecco alcuni punti anticrisi per riflettere e cominciare ad apportare cambiamenti positivi nella tua vita e in quella delle persone a cui vuoi bene. Prima di proseguire a leggere, per favore ricorda: ciò che scrivo non è la verità assoluta e non è possibile trattare al 100% un argomento così vasto. Inoltre, ciò che ha funzionato per me o per altri potrebbe non funzionare con te. Però è meglio conoscere un punto di vista in più da sperimentare, piuttosto che restare del tutto immobili!

1. Smetti di fare quello che fa la massa, cioè trovare una scusa nella “crisi”: solo allora una soluzione si presenterà… non magicamente, ma perchè la stai cercando e di certo non restando seduto su un divano a guardare la televisione o cazzeggiando su Facebook! Avvia un circolo virtuoso di azioni in grado di migliorare il tuo mondo, sforzati di concentrarti sulle cose che sai fare e agisci per metterle in pratica, per te stesso e per i tuoi cari. Scrolla di dosso la pigrizia mentale che si nasconde dietro la frase “c’è la crisi e non posso farcela”. Evita di parlare della crisi in maniera fine a sè stessa, nè devi restar zitto riguardo ad essa: affrontala di petto perchè non puoi “eliminarla” dal mondo, ma di sicuro puoi ridurne l’impatto nella tua sfera personale!

2. Assumiti la responsabilità dei tuoi pensieri perchè la qualità della tua vita è determinata dalla qualità di ciò che pensi. Abituati ad aumentare i tuoi pensieri positivi per sostituire quelli negativi. Come fare? Esistono tecniche per farlo, ma per essere pratici e se non vuoi fare meditazione, yoga o studiare tecniche “alternative” (che spesso sono fuffa), trova il “tuo sistema”: io ad esempio vado correre per 45-60 minuti con la mia musica preferita a palla negli auricolari! Non costa nulla e su di me ha un’ottima resa! Quindi, non pretendere che le cose migliorino nella tua vita se continui a pensare sempre le stesse cose… negative.

3. Rafforza la tua mente, soprattutto sul piano creativo e datti da fare per rendere le tue idee qualcosa di concreto. Siccome vogliono “metterti in crisi” tu fai una cosa: approfittane per guardare quanto di buono c’è in essa e diventerai una persona più forte, spezzerai le catene.  Non permettere che i tuoi pensieri vengano annichiliti e la voglia di fare annientata.

4. Scopri in te le tue passioni e porta a galla i tuoi desideri… e agisci! Chi è impegnato a DARSI-DA-FARE-DI-PIU’ evita di piangersi addosso, perchè sa che è completamente inutile: per questo impegnati, stringi i denti, fai un centimetro in più, prova anche 999 volte a fare ciò in cui credi e vedrai che alla millesima riuscirai a raggiungere gli obiettivi più importanti della tua vita. Solo i mediocri non sbagliano mai!

5. Informati costantemente per accrescere la tua conoscenza specialistica per quanto concerne la tua attività lavorativa, presente o futura che sia. Basa la tua esistenza sul costante e continuo miglioramento… sul CO.CO.MI. o KAI ZEN: il senso è lo stesso.

Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone oppresse e amare quelle che opprimono. [Malcolm X]

6. Leggi i giornali e conosci quello che accade nel mondo, ma assumi un atteggiamento di distacco dai media o dai politici che sfruttano la crisi per i loro secondi fini. Diventa sempre più informato ma immune da quelli che utilizzano la parola “crisi” di continuo: lo fanno per mantenere in piedi un bombardamento mediatico senza precedenti. C’è un abuso di questo termine per asfissiare il cervello delle persone, che vengono convinte di vivere un’epoca particolarmente buia e depressa. Ma che cazz… ma lo hanno mai visto il Medioevo?! No! Allora compriamogli una macchina del tempo e così vedranno come è fatto un periodo veramente buio!

7. Aiuta – grazie a ciò che stai imparando e per quel che ti è possibile – chi è in difficoltà ad “uscire alla grande dalla crisi” facendo comprendere meglio il senso di quello che sta accadendo: si tratta dei famosi “corsi e ricorsi storici” di cui ho parlato prima.

Ti abbraccio e ti invito a commentare questo articolo perchè è anche grazie a te che possiamo tutti crescere e migliorare.

Ad maiora.

Shares

...e se vuoi qualcosa in più!

Inserisci il Tuo indirizzo email principale per ricevere la newsletter gratuita di LucaPropato.com. Aggiornamenti sugli ultimi articoli e contenuti bonus per la Tua Crescita Professionale e Digitale. Niente spam, il tuo indirizzo non verrà mai fornito a nessuno e potrai cancellarti in modo facile e veloce in ogni momento.

(*) Campi richiesti

Lascia un commento con Facebook

2 Commenti

Scrivi un Commento
    • Ciao Valerio, grazie per il tuo commento! Tu hai tratto qualche vantaggio dal libro o dal film? Io no di certo! Il mio punto di vista è il seguente: non ritengo quel prodotto idoneo a una vera crescita personale. Al massimo può essere uno stimolo, ma va filtrato con molto senso critico. Non credo che, come dicono loro in quel film (e nel libro), basti visualizzare un parcheggio per trovarlo oppure immaginare la casa che si vorrebbe avere per acquistarla. Manca proprio la parte fondamentale per raggiungere gli obiettivi nella vita e nel lavoro: l’AZIONE. Ciao! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa questa formula indicando il valore mancante corretto * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyright © 2018 Giuseppe Luca Propato - Realizzazione siti internet, e-commerce, web marketing, SEO, SEM, social media e corsi di formazione.